Articles

Spagna, primo sì alle unioni gay

In Society on April 22, 2005 by Pino

Un bella notizia per cominciare il weekend con lo spirito giusto😉.

12 Responses to “Spagna, primo sì alle unioni gay”

  1. Fanculo, il link non mi funziona…
    Mi appare solo l’intestazione de l’Unità e… la pubblicità di Jamba! Venduti😀
    In compenso
    ecco la mia proposta.

  2. come non leggi il link?!

  3. Adesso funziona! Infatti ho “cancellato” l’affermazione precedente😉.

  4. Non sono informato al 100% sull’argomento, ma voglio dire la mia. Per le mie “mancanze” a livello di informazione, chiedo eventualmente aiuto al buon Pino.
    Che grande giorno è questo! Non solo per la comunità gay, ma a mio modesto parere per tutta la società civile! E questo è un gran giorno perchè finalmente si è fatto un gran passo verso l’uguaglianza di tutti i cittadini. Tutti siamo esseri umani, TUTTI abbiamo dei diritti. Non vedo perchè una coppia gay non debba sposarsi. E voglio andare più in là perchè credo in quello che dico. Non vedo perchè una coppia gay non possa adottare un bimbo/bimba. Piantiamola una volta per tutte con frasi del tipo: “Ma un figlio deve crescere con un padre e una madre per crescere bene!”. Che cazzate. Quante coppie eterosessuali, sposate secondo il rito cattolico, crescono i figli malissimo, li fanno diventare violenti, e magari pure li picchiano. Basta con i falsi moralismi, ci (parlo per chi la pensa come me) siamo rotti le palle. Io credo che una coppia gay, con dei solidi valori morali di base (anche le coppie gay hanno il senso della famiglia, credo, no?🙂 ), può benissimo educare un figlio, meglio di certe coppie eterosessuali, che si nascondono, solo per il fatto di aderire alla morale cattolica, sotto un manto di falsa moralità e dis-educano i figli. Speriamo che il futuro ci riservi buone nuove in tal senso: sarebbe un segno che la civiltà umana va verso il meglio.
    Una sola cosa mi spaventa: un certo modo di pensare dei ragazzi della mia età (io ne ho 28) e anche più piccoli. Mi spiego meglio. Ovviamente certa gente è contro i matrimoni tra gay. Un certo modo superficiale di pensare, farebbe dire che sono solo le persone di una certa età a essere contro. Grave errore di valutazione. Per qualcuno sarà una sorpresa, ma sono moltissimi i giovani che sono contro ai matrimoni tra gay. Hanno una mentalità psuedo-cattolica (poi se li vai a vedere nel dettaglio nemmeno vanno in Chiesa o aiutano la gente anche se si dicono cattolici, sanno solo fare shopping), che li fa essere intransigenti fino al punto di diventare verbalmente violenti, quando si parla di argomenti di questo tipo. “Matrimoni tra gay? No, non si può!”. Mica ti danno le motivazioni poi. Che schifo ragazzi. Poi pensiamo di essere progrediti e di essere in una società libera. Pensiamo che non ci saranno più dittature o fascio-nazisti a limitare la nostra libertà. Ma se penso a certa gente della mia età o meno, quella di cui ho parlato sopra…beh..se certa gente un domani dovesse andare al potere, non mi stupirei di dovermi difendere da Mussolini e i gerarchi clonati.
    Sono felice per te Pino, e per tutti i gay.
    ABBIAMO TUTTI GLI STESSI DIRITTI!!!!!!!!!!!!!!1

  5. Ah, per chi non mi conoscesse e passasse da questo sito, voglio sottolineare che sono eterosessuale, e sottoscrivo quanto detto sopra.

  6. Allora…
    Innanzittutto preciso che il sì arrivato dal parlamento spagnolo è solo una prima tappa. Come avviene in Italia, infatti, la legge deve poi passare al Senato ed eventualmente (cosa molto probabile in questo caso) ritornare alla camera bassa per l’approvazione delle modifiche.
    Quindi non è ancora detta l’ultima parola: gli avversari della legge potrebbero ottenere ancora delle vittorie.
    Detto questo passo al vivo della millenaria questione. Anzi no, non vedo necessario stare a discutere sull’uguaglianza delle persone a prescindere dai loro gusti sessuali, sul contro natura, ecc. ecc. Poi Stefano è intervenuto con così tanta animosità che non mi sembra il caso di ripeterlo.
    A margine voglio solo puntualizzare che:
    a) Se siamo tutti uguali lo siamo sia nei nostri lati positivi che negativi. Con questo intendo dire che ovviamente non si può esagerare nell’esaltare i gay. Io sarò anche perfetto, ma sugli altri non posso garantire😀
    b) Il problema dell’adozione per me non risiede nella nucleo famigliare, ma nella società esterna. A me non passa assolutamente nell’anticamera del cervello di voler adottare un bambino. Ma se fosse altrimenti non augurerei mai a mio figlio di essere preso in giro dai compagni di scuola perchè figlio di due gay. Certo qui in Germania, ad esempio, la cosa è un po’ diversa… Il figlio di Jens sa da praticamente sempre che lui è gay e lo sanno pure i suoi compagni di scuola. Risultato: nulla. Tra l’altro non è nemmeno l’unico della classe nella stessa situazione.
    c) In riallacciamento al punto precedente temo purtroppo che la situazione italiana non permette di poter pretendere una legislazione di tipo olandese sull’argomento. I contestatori sono troppi, in tutti gli schieramenti politici, e per vari motivi: avrebbero vita facile a muovere l’opinione pubblica su tematiche troppo delicate come ad es. l’adozione. Quindi anche che sono per il matrimonio mi rendo conto che forse è meglio cominciare con passi più piccoli.
    d) La mia gioia per la notizia spagnola era anche per esprimere la mia ammirazione nei confronti di Zapatero: uno che mi fa quasi tornare a credere nei politici. Non tanto per il contenuto della legge ma per il suo coraggio nell’applicare puntualmente e rapidamente tutti i punti del suo programma.

  7. Lo so, il problema dell’adozione risiede nella società esterna. Ma per un problema di mentalità: la gente crede che sia una cosa “contro natura”. Secondo me è “contro natura” picchiare i figli, essere violenti verso di loro. Siamo così sicuri che in tal senso le coppie eterosessuali siano perfette? Mah, a voi lascio la riflessione. Secondo me ci sono persone “buone” e “non buone”, indipendentemente dai loro gusti sessuali. In questo senso mi sembra di capire da Pino che rispetto alla situazione italiana in Germania sono avanti anni luce. Anzi, siamo noi in Italia che non avanziamo di 1 cm. Detto ciò, io conosco una coppia di lesbiche, che hanno adottato una bimba. La bimba è felice, loro sono accettate dalla loro comunità, e tutti vivono felici e contenti. Ma perchè in Italia questo scenario deve essere per forza fantascientifico?

  8. sul discorso dei figli in coppie omosessuali volevo solo fare un appunto (sono un po’ preso male con il lavoro e quindi non ci riuscirei ad esprimere un discorso piu’ articolato): una coppia lesbo puo’ tecnicamente avere figli e non solo per inseminazione artificiale ma anche nel modo piu’ vecchio – una delle due va in un locale, trova uno , se lo scopa e quindi si tiene il/la bambino/a…

  9. Uh Luca anche tu preso con le bombe?😉.
    Che scena desolata che hai dipinto però… Sebbene possibile.
    Da parte mia volevo solo specificare che mi fa davvero male notare che qui in Germania la situazione, ancorchè non ideale, sia nettamente migliore che in Italia. Però è così… Non sono certo un fan della fiera dei luoghi comuni.

  10. lo so
    in effetti ero preso male per molte altre ragioni … quindi.
    mi ero anche pentito di averlo scritto in quel modo.

  11. Conoscendoti l’avevo capito😉.
    È un po’ come “esci il cane che lo piscio”.

Comments are closed.

%d bloggers like this: