Articles

Lost

In TV&Movies on April 19, 2005 by Pino

Da 3 settimane mi dedico un’oretta al lunedì sera a guardare una nuova serie televisiva.
Si tratta di Lost che a quanto pare ha molto seguito negli USA (Luca, confermi?).
Come si intuisce dal titolo si tratta di una serie dedicata ad un gruppo (una cinquantina) di sopravvissuti ad un disastro aereo che cerca di sopravvivere su una non troppo deserta isola al largo dell’Australia.
Questo nuovo prodotto statunitense mi sembra stia molto sul confine tra genialità e stronzata immane😉. È bellissimo che in ogni episodio accada qualcosa di misterioso, si scopra sempre qualcosa di interessante sul passato dei numerosi personaggi (la serie comincia artisticamente dopo il disastro, quindi non si sa assolutamente nulla dei passeggeri dell’aereo), ci sia sempre un grande colpo di scena… Ma a volte si tira un po’ la corda. Passino le allucinazioni. Passi la cosa che fa stragi sull’isola. Ma l’orso polare che cazzo ci fa là? Per non parlare dell’uomo sulla sedia a rotelle che… Beh non vi racconto tutto😉 Comunque so che in Italia su SKY è cominciato poco prima che qui in Germania, quindi qualcuno di voi saprà pure più di me.

4 Responses to “Lost”

  1. confermo che in usa ha seguito, non so esattamente quanto ne abbia e non l’ho mai guardato in quanto mi e’ sempre sembrata una immane stronzata: soprattutto perche’ essendo una serie tireranno la solfa per un numero N arbitrariamente grande. ovvero fosse stata una miniserie forse aveva piu’ senso ma una serie regolare non tanto.
    qui si sta avvicinando la fine della prima stagione e dalla pubblicita’ non ho ancora capito se sfiori o sia completamente dentro la fantascienza.

    sempre parlando di serie televisive: mai fidarsi dei gusti degli americani poiche’ sono ortogonali ai nostri. basti pensare che grey’s anatomy sta spopolando mettendo in dubbio la continuazione di boston legal. grey’s anatomy e’ la risposta abc a ER (dopo dieci anni ovvero e’ iniziata ora) condita un po’ di piu’ di romance ecc, mentre boston legal era carino e soprattutto le ultime puntate erano molto politically uncorrect! (forse per questo non continuera’).

  2. Ah ma sono sicuro che i gusti statunitensi siano ortogonali ai nostri! Tant’è che quando qui dicono nella pubblicità Seriensensaktion (penso che il termine sia chiaro) io rimango un po’ scettico.
    Tra l’altro odio qualunque clone di Robinson Crusoe (e forse anche il romanzo originale stesso).
    Tuttavia per curiosità mi sono messo a guardarlo, spinto dal motto ogni personaggio ha un lato nascosto. E infatti questo è un elemento che mi piace davvero molto.
    Però, come accenni tu Luca, sembra che si diriga su un certo tipo di fantascienza fatta in casa. L’elemento fantascientifico, per così dire, è totalmente accessorio e gratuito. È come pensare che per fare un thriller, l’omicida di turno debba essere, chessò, un alieno. È chiaro che non è necessario e, anzi, stona un po’.
    A mio parere, insomma, quando nell’episodio pilota scoprono che sull’isola c’è stata un’altra dispera e che questa mandi un messaggio SOS via radio da 16 anni c’è 1000 volte più ricchezza narrativa di quando uccidono una bestia che poi si scopre essere un orso polare (cosa ci faccia ai tropici non si sa, ed ecco l’elemento fantascientifico forzatissimo).
    Giuro che se salta fuori il dinosauro rinnego di aver visto qualunque puntata della serie😀.
    Non conosco purtroppo le serie di cui parli tu Luca (E.R. escluso, chiaramente, che dopo la morte del dr. Greeen ha perso molto del suo fascino), quindi non posso commentare altro.
    I tedeschi comunque adorano (senza confine) Sex and the city, io preferisco però Desperate housewives😉.

  3. ehhh si potrebbe aprire un lunghissimo topic sull’argomento.
    lost non lo conosco od almeno lo conosco solo per quello che vedo nella pubblicita’ e quindi mi saprai dire tu.
    per desperate housewives … bhe settimana scorso ho letto su una rivista:
    desperate housewives
    do you hate it? or secretly love it?

    ma lo guardi? e lo danno quindi sulla televisione tedesca?

  4. Qui dai primi di aprile hanno lanciato un sacco di nuove serie e riproposte di vecchie. Perfortuna non è previsto nessun nuovo lancio a breve perchè non sopportavo più la pubblicità martellante.
    Una settimana dopo Lost hanno deciso di riproporre Sex and the city dall’inizio e di provare con Desperate housewives. Quest’ultimo è decisamente migliore perchè le situazioni tragicomiche sono davvero esilaranti e ogni donna rappresenta dei comportamenti davvero patologici. La voce narrante è poi di una amica delle stesse che si suicida nei primi 2 minuti di programmazione. Anche qui giocano un ruolo importante i segreti (soprattutto quello della morta) che ognuna di queste donne si portano appresso. Il tutto è ambientato in una specie di Stepford. L’autoconsistenza della narrazione è comunque assicurata al 100%.

Comments are closed.

%d bloggers like this: